Cerca
  • Una vita di stelle library

Natural life di Francesco D'agostino


Natural Life


Buongiorno cari amici. Mi chiamo Francesco D’Agostino ed ho cinquant’anni.

Bella età per uno che ha ancora in testa tanti perché? Amo molto scrivere, scambiare idee, condividere la sensazione di un’ attimo, una di quelle robe che appena la respiri ti fa venire la pelle d’oca, ti fa sentire l’aria che respiri dalle narici, come se ti andasse dritta al cervello e ti facesse pensare: ah.. che bello vivere! ah.. ed io che qui in questo posto non ci volevo venire! Ecco: tutto si ripete! Ti trovi in una situazione dalla quale devi uscire, ma non ne vuoi sapere perché la tua testa ti porta da un’altra parte, mentre la vita di quel giorno, in quel preciso istante, ti impone che devi prima passare da lì! Devi fare quella cosa che però: o perché hai un altro impegno, o perché non ti va proprio di perderci tempo, tu non la vuoi fare! Cavolo che rabbia! Ma sai bene che per venirne fuori ci devi passare! Non vedi soluzione e quindi, non avendo scelta, dentro la tua testa ti dici; bah.. facciamo sta cosa e togliamoci il pensiero! Parti e arrivi in quel posto dove devi concludere un contratto di lavoro o che so, per incontrare la persona che ha la stessa fretta di concludere l’affare con te e poi quando sei li, magari quella persona ti telefona per avvisare che ritarda qualche minuto e tac”... ecco che ti ritrovi bello e incazzato in un posto di mare bellissimo, sconosciuto ai tuoi occhi. Sei nervoso, guardi l’orologio poi ti osservi intorno ed è come se il tempo si fosse fermato! I tuoi occhi catturano un volo di gabbiani li seguono estasiati, ti danno il senso di pace che ti mancava da tanto tempo, perché tu vivi di fretta e non hai mai tempo! È li che avviene il piccolo miracolo della vita! La vista si sposta sul resto del paesaggio: vedi i palazzi lontani, ma scegli di goderti le case dei pescatori; ti ricordano l’infanzia, quando avevi il tempo di andare a guardarli tirare le reti, quando con loro c’era tuo nonno con il viso bruciato dal sole d’estate e il sorriso di chi ti vede come suo figlio. È li che pensi: cavolo! Guarda un po' cosa stavo per perdermi! Nel frattempo arriva la persona che aspettavi; non sei più ansioso: quello ti vede di buon umore, gli ispiri fiducia, ci prendi un caffè al bar e poi con una semplice stretta di mano, ti sei assicurato un buon affare che i farà stare bene per un po. Accendi una sigaretta, sali in macchina e vai via; ma non prima di guardare ancora una volta quel posto bellissimo e conservare le immagini nel cuore! Vi è mai capitato?


– A volte capita che.. per capire se sei veramente vivo” devi fermarti e leggerti dentro –


– Francesco D’Agostino –

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti